Recepimento della direttiva UE del gennaio 2014 sul BIM

Il 30 settembre us l’VIII Commissione della Camera in seduta notturna ha definitivamente licenziato il testo del DDL delega relativo al recepimento delle tre direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE del Parlamento europeo ed al riordino della normativa sugli appalti.

Secondo quanto è stato dichiarato la riforma degli appalti avrà un avvio a scaglioni.

Entro il 18 aprile 2016 dovrà essere approvato il decreto legislbim_strettaativo per il recepimento delle direttive.

Il decreto abrogherà le parti del vecchio Codice Appalti (D.lgs. 163/2006) in contrasto con le direttive europee e introdurrà disposizioni di coordinamento, transitorie e finali..

Il nuovo Codice Appalti vero e proprio sarà invece approvato entro il 31 luglio 2016.

Al suo interno ci saranno i contenuti del decreto di recepimento delle direttive più le eventuali disposizioni correttive e integrative.

Ricordiamo che la La Direttiva Europea 2014/24/EU sugli Appalti Pubblici esprime in modo chiaro l’indicazione di introdurre il Building Information Modeling all’interno delle procedure di Procurement degli Stati Membri. All’art. 22 c.4, nella versione inglese della Direttiva, troviamo infatti:

“For public works contracts and design contests, Member States may require the use of specific electronic tools, such as of building information electronic modelling tools or similar.”

Il Ministro Delrio parla di BIM

Una task force per coordinare i progetti sulle grandi opere e controllare l’avanzamento dei cantieri.

E’ all’interno Convegno organizzato dall’Agenzia del Demanio intitolato: “Progetto fari: dalla consultazione pubblica ai bandi” che il Ministro delle Infrastutture e dei Trasporti Graziano Delrio ha affermato: ”

«La scelta decisiva è quella compiuta dal nuovo codice appalti in discussione alla Camera di non mettere più a gara progetti preliminari o definitivi. Se a questo aggiungiamo la valorizzazione dell’uso di tecnologie come il Bim, potremo controllare passo passo la qualità delle realizzazioni».

Pubblicato su Edilizia e Territorio – Sole24Ore del 1 ottobre 2015bim_stretta

ModeSt Free, da ora puoi scaricarla anche sul nostro sito!

logo_free_bigE’ ora disponibile anche sul nostro sito la versione ModeSt Free, la versione gratuita con la quale è possibile provare le potenzialità di ModeSt, anche a scopo professionale.

ModeSt è un programma di calcolo strutturale completamente aggiornato alle nuove normative in materia antisismica (D.M. 14/01/08 e Circ. 617 del 02/02/09) in grado di risolvere tutti i problemi di natura ingegneristica.

ModeSt esporta nel formato standard IFC anche il risultato di tutte le progettazioni, è possibile quindi lavorare in modalità BIM per condividere le armature, i collegamenti degli elementi in acciaio ed i rinforzi delle strutture esistenti.

Scarica ModeSt Free, otterrai anche il manuale ed un tutorial per iniziare il tuo lavoro!