Midas GEN per l’analisi di un filtro a maniche in acciaio, guarda il progetto.

Midas - Besozzi - FiltroIl progetto, vincitore del Midas Model Competition Italia 2015, è un filtro a maniche da inserire in una catena di trattamento di polvere di cemento. “Per la modellazione e l’analisi di questa struttura – afferma il progettista ing. Besozzi – il software Midas Gen è stato di grande aiuto: per la facilità nel disegnare e gestire plate con il modulo ASWD e la semplicità di visualizzazione e comprensione degli sforzi. Grazie a questa versatilità, unitamente all’affidabile post-processing degli elementi beam, si è potuto operare un’ottimizzazione di piastre e costolature in tempi brevi. Continua

BIM, interoperabilità e sostenibilità ambientale, le novità della legge 28 gennaio 2016, n.11- secondo appuntamento

In questo secondo appuntamento con le novità presenti nella legge n.11 del 28 gennaio 2016 affrontiamo quanto viene detto nel testo relativamente al BIM[1] e alla progettazione assistita al computer.

“oo) valorizzazione della fase progettuale negli appalti pubblici e nei contratti di concessione di lavori, promuovendo la qualità architettonica e tecnico-funzionale, anche attraverso lo strumento dei concorsi di progettazione e il progressivo uso di metodi e strumenti elettronici specifici, quali quelli di modellazione elettronica e informativa per l’edilizia e le infrastrutture, limitando radicalmente il ricorso all’appalto integrato, tenendo conto in particolare del contenuto innovativo o tecnologico delle opere oggetto dell’appalto o della concessione in rapporto al valore complessivo dei lavori e prevedendo di norma la messa a gara del progetto esecutivo; esclusione dell’affidamento dei lavori sulla base della sola progettazione di livello preliminare, nonché, con riferimento all’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura e di tutti i servizi di natura tecnica, del ricorso al solo criterio di aggiudicazione del prezzo o del costo, inteso come criterio del prezzo più basso o del massimo ribasso d’asta;”

Da quello che si può evincere sarà incoraggiato l’uso del BIM (Building Information Modeling) per la modellazione dei progetti e delle infrastrutture.

È importante notare come gli strumenti telematici di modellazione elettronica e informatica per l’edilizia e le infrastrutture diventeranno obbligatori inizialmente negli appalti pubblici di importo superiore alla soglia comunitaria (5.225.000 euro per i lavori e le concessioni, 135mila euro per i servizi e i concorsi pubblici di progettazione aggiudicati dalle autorità governative centrali, 209mila euro per i servizi e i concorsi pubblici di progettazione aggiudicati da altre amministrazioni).

Successivamente si passerà anche agli appalti di importo inferiore.

 

[1]Punto oo) del testo pubblicato sulla GU

DELRIO, testare il BIM per 12-14 mesi negli Appalti Pubblici per poi renderlo obbligatorio

Oggi 18 febbraio il Ministro Graziano Delrio è intervenuto alla Camera dei Deputati per aprire un evento dedicato al tema della digitalizzazione e innovazione nell’edilizia e più in generale nel mondo delle costruzioni.

L’incontro, organizzato dall’On. Dellai e dai Proff. Ciribini e Di Giuda, aveva l’obiettivo dell’incontro internazionale è stato quello di raccogliere le esperienze europee più importanti (UK, Germania, Francia, Spagna) per poter individuare  un percorso normativo per l’introduzione all’uso progressivo dei metodi e strumenti informativi per l’edilizia e le infrastrutture che sia capace di traghettare il settore delle costruzioni e l’intera filiera verso una più consapevole accettazione di quella che per gli altri settori produttivi è identificata come la quarta rivoluzione industriale.

leggi tutto l’articolo e gurda l’intervista al Ministro Del Rio su IngenioWeb

Tekla Structures: il BIM per le strutture di un magazzino meccanizzato, guarda il progetto

32La nuova sede di LAMPA Spa è un nuovo magazzino meccanizzato interamente prefabbricato, costruito come ampliamento ad un opificio esistente. L’edificio, la cui progettazione strutturale è stata curata da Structurama Srl, è stato concepito come una nuova realizzazione con una struttura, indipendente dal vecchio fabbricato, in elementi prefabbricati di cemento armato, completata con elementi strutturali portanti e di tamponamento, da setti portanti e fondazioni in c.a. gettato in opera. ”Utilizziamo Tekla Structures dal 2009. Il passaggio ad un software tridimensionale come Tekla Structures ha per noi segnato la crescita decisiva dello Studio…” Continua…

Midas Gen 2015 v21 compatibile con i principali Modellatori BIM presenti sul mercato

Logo warehouse_2016Midas Gen 2015 prosegue il suo percorso di aggiornamento ed è imminente l’uscita della versione 21. Prosegue quindi anche l’aggiornamento dei collegamenti con i principali Modellatori BIM presenti sul mercato. In particolare con questa versione è stato attivato il collegamento con Revit 2016 e  già dalla versione Midas Gen 2015 v.11 era disponibile il collegamento con Tekla Structures v. 21

> Scopri i dettagli del collegamento con Revit

> Scopri i dettagli del collegamento con Tekla Structures

DDS-CAD: la soluzione OpenBIM per i professionisti del settore MEP

02_2016_DDSDDS-CAD è una soluzione OpenBIM per la progettazione integrata degli impianti meccanici ed elettrici a servizio dell’edificio: potente e personalizzabile, dotato di un vero e proprio sistema CAD/BIM (Building Information Modeling) interno, DDS-CAD si propone come una delle soluzioni OpenBIM più veloci e versatili attualmente sul mercato.

DDS-CAD è una soluzione modulare e disponibile in varie configurazioni per differenti discipline: impianti meccanici (ventilazione, aria condizionata), impianti elettrici (impianti elettrici FM, fotovoltaici e domotica) e impianti idrico-sanitari (riscaldamento, scarico).

DDS-CAD importa ed elabora il formato IFC, proveniente dai maggiori CAD architettonici, inoltre è in grado di gestire anche formati 2d o pdf e con formati specifici come TES (domotica) e gbXML per l’interfaccia con software di calcolo avanzati in regime dinamico.

Per maggiori informazioni registrati e scarica la documentazione di DDS-CAD.

Le principali novità della versione ModeSt 8.9

Da qualche settimana è stata ufficialmente rilasciata la versione Modest  8.9 .  Ecco, in breve, le novità più importanti introdotte in questa versione:

  • Importazione/esportazione file .ifc (tutti i software) e nativo .rvt (Revit) ampliate e migliorate: È possibile scegliere quali elementi esportare/importare, gestire i muri semicircolari, gli elementi di fondazione, superfici plate, i solai ed i vincoli esterni.
    Le nuove funzionalità vengono gestite dalla versione Revit 2016.
  • Verifica interventi di rinforzo con incamiciature in acciaio o sistema CAM di pilastri in c.a. di strutture esistenti calcolate in base al D.M. 08. Viene valutato l’incremento di resistenza a taglio e l’effetto del confinamento in termini di maggior resistenza e duttilità. Anche questi rinforzi (come quelli in FRP) vengono presi in conto nell’analisi pushover durante la ricerca dei punti critici.
  • Nuove tipologie di collegamento nelle strutture in acciaio reticolari e intelaiate.
  • Verifica interattiva nelle strutture esistenti in c.a. di solette, platee e pareti con meshatura irregolare generica, nonché plinti e pali.

02_2016_strutt 02_2016_strutt1 02_2016_strutt2

  •  Progettazione interattiva sezioni in c.a., con possibilità di verifica a taglio con traliccio ad inclinazione variabile, in analogia a quanto già previsto in tutte le altre procedure.
  • Verifica di capacità portante in condizioni non drenate anche per pali di fondazione non totalmente sotto falda.
  • Diagrammi dei tassi di sfruttamento e delle snellezze con colorazioni variabili lungo l’asta.
  • Introdotta migliore visualizzazione grafica dell’inviluppo delle sollecitazioni.

Per ulteriori informazioni clicca qui

Le novità di Flac 8

02_2016_FLAC8Scopri le novità della nuova versione di Flac 8, lo strumento migliore per analisi tenso-deformative per terreni e rocce, con interazione con elementi strutturali!

 

 

 

 

 

 

 

1GeoCon il nuovo solutore a 64bit i modelli analizzabili non hanno più limiti in termini di dimensioni!

 

 

10GeoIl nuovo elemento strutturale shell permette di modellare problemi assialsimmetrici, in cui si sviluppa lo sforzo circonferenziale (ad esempio pozzi o condotte).
3Geo

 

5Geo

 

 

 

 

4GeoSono stati introdotti diversi nuovi modelli costitutivi, tra cui il “Plastic Hardening”.

E’ un modello costitutivo in grado di simulare numericamente il comportamento non lineare dei terreni (teoria della plasticità + incrudimento).

In particolare il modello Plastic Hardening include sia il comportamento volumetrico sia quello deviatorico (a taglio); quando soggetti a carichi deviatorici, i terreni solitamente mostrano un decremento in termini di rigidezza, accompagnato dall’accumulo di deformazioni irreversibili.

6GeoLa simulazione della riduzione delle forze di scavo è ora disponibile come condizione al contorno, senza dover passare dalle funzioni FISH. Questa potenzialità può essere utilizzata per simulare l’effetto 3D dell’avanzamento dello scavo, oppure in caso di materiali fragili o deboli in è necessario prevenire artificialmente la rottura dinamica delle zone in prossimità scavo, dovuta allo sviluppo di onde di sforzodi trazione durante la computazione.

 

7Geo

Flac 8 sfrutta le potenzialità del calcolo multiprocessore anche per la risoluzione dei calcoli idraulici, riuscendo a sfruttare pienamente le moderne architetture multi-core dei processori di ultima generazione.

 

 

8Geo

E’ ora possibile lanciare automaticamente il calcolo e la verifica di diverse situazioni del modello, che vengono presentati come “safety map” in funzione del fattore di sicurezza FS locale. 9Geo10Geo

Il Dinamic Wizard è uno strumento concepito e progettato per guidare e facilitare gli utenti durante la fase di input dei segnali (pre-processing) durante le analisi sismiche.

Ecco le principali funzionalità:

  • Possibilità di importare i dati in diversi formati (history, table, PEER), specificando le unità di misura
  • Filtrare i dati per rimuovere le componenti di frequenza troppo alte, specificando un valore di cut-off
  • Applicare la baseline correction per velocità o spostamenti in diverse forme
  • Esportare i dati processati (accelerazioni, velocità, spostamenti, amplitude spectrum, response spectrum o Arias intensity) come file history o file di table.

11Geo5 nuove mappe di colore aggiunta negli strumenti di post-processing (creazione dei plottaggi)

 

  • Miglioramenti generali della GUI
  • Ottimizzazione del calcolo idraulico
  • Diagrammi spinta – momento e taglio momento per gli elementi strutturali
  • Possibilità di esportare le history in formato CSV (compatibile con i più comuni fogli di calcolo)
  • Durante il calcolo del FOS è ora incluso il contributo di pile e chiodature (piles and rockbolt)
  • Nuovi templates per la formulazione dei modelli costitutivi personalizzati (User-Defined Model Option

LINK UTILI

Novità della versione 8.0

Flac Basics, una guida alle potenzialità di modellazione di Flac

Esempi

Giornata del Cliente Geotecnica 2016

02_2016_GeotecniconewsA breve si terrà laGiornata del Cliente Geotecnica 2016”, l’appuntamento per tutti i clienti di Paratie Plus, dove verranno presentatate tutte le novità della nuova versione di Paratie Plus 2016, il software leader in Italia per il calcolo non lineare e la verifica di opere di sostegno flessibili.

La giornata prevederà una sessione al mattino ed una al pomeriggio, é possibile scegliere una delle due sedi, Milano oppure Roma, per partecipare ad una sola oppure ad entrambe le sessioni. Visti i posti limitati, se lo desideri puoi confermare la tua iscrizione accedendo alla > pagina dell’evento qui Ti consigliamo di iscriverti subito, ancora pochi posti disponibili!

 

E’ imminente l’uscita di Paratie Plus 2016

02_2016_ParatieNewsNella prossima versione di Paratie Plus 2016 è prevista la possibilità di inserire un elemento wall flessibile (denominato CWALL), utilizzabile in alternativa al classico elemento parete. Il nuovo wall è in grado di considerare anche il possibile  scorrimento elasto-plastico fra gli elementi verticali che compongono il sistema di contenimento nel suo complesso.

Nel caso, ad esempio, di palancole tipo Larssen, composte da due profili a U collegati lungo l’asse neutro della sezione pensata come compatta, grazie al nuovo elemento wall flessibile è possibile considerare la resistenza del giunto dovuta, ad esempio, a punzonature o saldature localizzate.

Altro caso ricorrente nella pratica è quello delle berlinesi di pali disposti a quinconce, in cui è possibile, con il nyuovo CWALL, la trasmissione di taglio tra pali contrapposti, grazie all’interferenza ottenuta, facendo compenetrare parzialmente i pali adiacenti.

A corredo di questa nuova possibilità di modellazione, sono previsti opportuni elementi CSLIP in grado di vincolare (impedire) lo scorrimento in elementi CWALL, in posizioni arbitrarie lungo una parete. In questo modo è possibile, ad esempio, modellare la presenza di travi rigide di coronamento

Tra i risultati prodotti  con questi elementi, è possibile vedere l’azione di taglio che impegna il giunto, oltre all’eventuale scorrimento plastico dello stesso.

A presto con Paratie Plus 2016!