Code Checking: verifica dell’aderenza alle richieste progettuali e normative in ambito BIM

Tra gli evidenti vantaggi della progettazione BIM rientra, senza dubbio, la possibilità di verificare e gestire eventuali incoerenze a prescrizioni di progetto o a normative tecnico/legislative del modello (code checking).
L’attività di Code Checking è molto utile perchè consente la creazione di database di regole da controllare, l’interoperabilità con modelli di diverse discipline, la trasmissione semplificata delle eventuali incongruenze evidenziate, il computo metrico degli elementi immessi.
All’interno di Solibri sono già disponibili set di regole standard, ad ogni modo personalizzabili, che permettono di validare i modelli secondo le principali caratteristiche di rispondenza BIM (BIM Validation): questa fase di pre-controllo verifica la qualità dei modelli caricati, dai quali sarà poi possibile estrarre i dati di Information TakeOff.
In merito ad una fase successiva di controlli normativi e verifiche di conformità, sono a disposizione regole specifiche per il cosiddetto Code Checking. In base alle normative di riferimento si evidenziano in automatico le difformità dei modelli dalla norma stessa, classificandole in base alla loro gravità. Gli intervalli dei valori che individuano problemi di bassa, media ed alta difformità possono essere personalizzati dall’utente gestendo così le eventuali situazioni limite.

Quali sono le principali funzionalità di Solibri per il Code Checking?
– Verifiche di rispondenza ai regolamenti di igiene (altezze minime, volumi, dotazione dei servizi, ecc)
– Verifiche delle superfici minime dei locali e degli alloggi in relazione alla loro funzione
– Verifiche dei rapporti aereo-illuminanti dei locali
– Verifiche delle dimensioni minime di scale ed accessi
– Verifiche di accessibilità ai locali (corridoi, servizi igienici, ecc) e della presenza di barriere architettoniche
– Verifiche di spazi liberi attorno ad un elemento specifico (estintore, naspo, ecc)
– Comunicazione delle incongruenze evidenziate: i report (Bcf.zip)

Molti studi professionali e società di ingegneria in Italia hanno scelto Solibri per le attività di Model e Code Checking.

Guarda alcuni dei loro progetti

Modest 8.22: scopri tutte le novità!

La nuova versione 8.22 di ModeSt ingloba molte delle richieste di implementazione suggerite dagli utenti.
Ecco le principali novità dell’ultima versione:

  1. La nuova feature Integratore longitudinale permette di salvare il risultato delle integrazioni insieme ai dati della struttura. Fino alla versione 8.21, questo comando forniva le informazioni sulle sollecitazioni integrate su linea e su piano si è evoluto nella. Inoltre, è stato introdotto il comando Integratore trasversale che consente di gestire una fascia di elementi bidimensionali come costituente un unico elemento monodimensionale. In questo modo è possibile considerare come monodimensionali elementi che per motivi ingegneristici si preferisce modellare come elementi bidimensionali (scale, balconi, travi parete, ecc.) ma che, a fini progettuali, possono rientrare nella teoria della trave. Di conseguenza, tali elementi possono poi essere progettati automaticamente ed interattivamente come se fossero elementi beam. Questa nuova funzionalità consente inoltre di definire all’interno di solette/platee l’armatura di zone ritenute a comportamento essenzialmente monodirezionale. In pratica, è possibile introdurre una “trave virtuale” all’interno di una soletta/platea. La progettazione della soletta/platea tiene poi in conto della di queste zone di concentrazione di armatura.
  2. Per i calcoli ai sensi del D.M. 17/01/18, come indicato al par. 4.1.2.3.5.4, sono state riviste le verifiche a punzonamento nelle solette, platee e plinti facendo adesso riferimento all’Eurocodice 2.
  3. È stata introdotta la possibilità di definire automaticamente gli inviluppi degli elementi strutturali di uguale geometria.

Queste sono solo alcune delle novità di ModeSt 8.22.

Utilizzi già ModeSt? Scarica la nuova versione accedendo all’area riservata HC Club su questo sito.
Stai valutando questo software per il calcolo strutturale e vorresti saperne di più? Contattaci subito.

Buon lavoro con ModeSt 8.22!

Verifica del comportamento sismico del Seminario Arcivescovile di Milano

L’intervento riguarda la verifica del comportamento sismico di un edificio in muratura, molto grande e storico di Milano: il palazzo del Seminario Arcivescovile situato in Corso Venezia. È un edificio di forma quadrata, con una corte centrale di 75 metri per lato e alto quattro / cinque piani. L’edificio ha subito nel corso del tempo alcune trasformazioni quali la sostituzione dei solai o la realizzazione di nuclei in cemento armato con ascensori e scale. La struttura attualmente è oggetto di un intervento di ristrutturazione che la trasformerà in un albergo.
Il progetto è stato nominato vincitore nella sezione “Strutture Speciali” della Midas Model Competition 2019.

Guarda l’intervista

Valutazione della sicurezza di un edificio esistente a Milano con ModeSt

Ar.Ca. Progettazione (MB) presenta il progetto sulla valutazione della sicurezza di un edificio multipiano, sito a Milano, realizzato utilizzando il software ModeSt.
Le funzionalità di modellazione e analisi strutturale di ModeSt hanno consentito una rapida realizzazione del modello e una buona visualizzazione dei risultati.
Questo progetto è stato nominato tra i vincitori della ModeSt Model Competition 2019.

 

Guarda il progetto

Coordinamento e collaborazione BIM nella progettazione di strutture industriali

Bedeschi Spa presenta le potenzialità e i vantaggi di Trimble Connect, la piattaforma di project collaboration BIM essenziale per la condivisione, in tempo reale, di tutte le informazioni nei progetti di ingegneria e di costruzione.
Il progetto consiste nella realizzazione di un nastro trasportatore (lunghezza totale 4.300m) per il trasporto di calcare con una portata di 1500t/h. La struttura è composta da 259 travi reticolari, da 243 stilate e da 21 torri, una ogni 20 travi. Al fine di semplificare e uniformare il modello, i vari elementi quali travi, stilate e fondazioni sono stati realizzati come componenti Tekla Structures.

Combinare Tekla Structures con Trimble Connect, come sperimentato durante lo sviluppo di questo progetto, permette un notevole miglioramento della qualità e della velocità di progettazione.
Trimble Connect ha reso facile e lineare la condivisione dei vari modelli tra le parti coinvolte. Scopri come.

Guarda il progetto

Il legno di faggio e il BIM per i vini biologici

Cantina Pizzolato di Villorba, Treviso (Italia) | Studio Made Associati
Quando Michela De Poli e Adriano Marangon (Made Associati) iniziarono la progettazione dell’ampliamento della Cantina Pizzolato a Villorba, in provincia di Treviso, avevano ben presente la volontà del committente di presentarsi al mercato italiano con un’immagine rinnovata. Nella sua storia di 35 anni, l’azienda si è rivolta principalmente al mercato estero e soprattutto ai Paesi del Nord Europa, dove è molto apprezzata la produzione di vini biologici, in cui la Cantina Pizzolato è specializzata. Grazie all’utilizzo di Allplan e del metodo BIM, è stato creato un modello 3D con lo studio delle stratigrafie degli elementi costruttivi. In base alla scala di rappresentazione scelta è stato possibile decidere quale livello di dettaglio utilizzare nelle diverse tavole di stampa.

Guarda il progetto

Perché dovresti passare dal CAD al BIM per progettare elementi in acciaio

Il metodo e gli strumenti BIM si sono dimostrati fin da subito idonei a fornire, a clienti e appaltatori, risultati migliori rispetto al passato. Dal suo lancio nel mercato, Tekla Structures ha cambiato il modo di progettare, presentandosi come unica soluzione software per l’intero flusso di lavoro e in grado di gestire tutti i materiali, compreso l’acciaio, i modelli da costruire e integrando funzionalità per controllare la gestione del cantiere.
Ecco perché dovresti passare dal CAD al BIM per progettare elementi in acciaio.

Grazie all’adozione di Tekla Structures nell’azienda per cui lavorava come ingegnere strutturista, Gabriel Neves (Bridges Product Manager di Trimble) iniziò a spingere l’utilizzo dello strumento in tutti i vari progetti di strutture e, ben presto, divenne uno standard per tutto il suo team. Tekla Structures è stato in grado di migliorare la costruibilità, l’efficienza e il rapporto costo-efficacia dei progetti con dati accurati, ricchi e accumulati gradualmente nel tempo.
Ad oggi, l’evoluzione del BIM e del BrIM (Bridge Information Modeling) continua. Così come vanno avanti l’evoluzione e gli sviluppi di Tekla Structures. Gabriel Neves ha visto il settore delle costruzioni evolversi da disegni fatti a mano a software 3D ma è ancora curioso di sapere cosa succederà in futuro.

Leggi l’intervista in cui racconta la sua esperienza.

Credito d’imposta formazione 4.0: sai che puoi ottenere l’incentivo per la formazione BIM?

Con la legge di Bilancio 2020 è stata prolungata di un anno la disciplina del credito d’imposta per le spese di formazione del personale dipendente nel settore delle tecnologie previste dal Piano nazionale industria 4.0, comprese le tecnologie edili ed ingegneristiche (Building Information Modeling).
Tra gli ambiti formativi per cui un’azienda può usufruire del bonus formazione, è infatti espressamente menzionato il BIM “Tecniche e tecnologie di produzione: Tecnologie edili ed ingegneristiche (Building Information Modeling)”.

Scopri ora la nostra offerta formativa BIM

L’offerta formativa BIM di Harpaceas è personalizzabile sulla base delle tue esigenze specifiche. Questo ci permette di mettere a tua disposizione tutti gli strumenti conoscitivi e le competenze utili a procedere nel percorso di adozione del BIM, con una maggiore consapevolezza per le scelte strategiche dell’azienda.
Rientrando tra le tecnologie previste dal Piano Nazionale Impresa 4.0, la nostra formazione BIM è idonea all’ottenimento del bonus formazione 4.0.

Credito d’imposta formazione 4.0 sai che puoi ottenere l’incentivo per la formazione BIM
Novità della proroga per il 2020

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 30 dicembre 2019, la legge di Bilancio 2020 (legge 160 del 27.12.2019) indica le modifiche al credito d’imposta per la formazione 4.0.
Oltre alla proroga per il 2020, infatti, la legge prevede una semplificazione dell’accesso all’incentivo.
Innanzitutto, il bonus formazione 4.0 può essere richiesto per attività di formazione finalizzate all’acquisizione o al consolidamento, da parte del personale dipendente dell’impresa, delle competenze nelle tecnologie rilevanti per la realizzazione del processo di trasformazione tecnologica e digitale delle imprese previsto dal “Piano nazionale Impresa 4.0”.
Le imprese che si avvalgono del credito d’imposta dovranno effettuare una comunicazione al Ministero dello Sviluppo Economico secondo modalità che saranno definite prossimamente. Non è più necessario che lo svolgimento delle attività formative sia disciplinato in contratti collettivi aziendali o territoriali depositati presso l’Ispettorato territoriale del lavoro di competenza.
Altra variazione rispetto al passato riguarda i massimali per accedere all’incentivo. Per tutte le spese sostenute nel periodo di imposta successivo al 31 dicembre 2019, sarà pari a:

– 50% delle spese ammissibili e fino ad un massimo di 300.000 euro, per le piccole imprese;
– 40% delle spese ammissibili e fino ad un massimo di 250.000 euro, per le medie imprese;
– 30% delle spese ammissibili e fino ad un massimo di 250.000 euro, per le grandi imprese.

Cosa aspetti? Contattaci per conoscere di più sull’adozione del BIM e sulla nostra offerta formativa.

Il nuovo ambiente Geometry in Flac3D 7.00

Nella versione 7 di Flac3D, le funzionalità grafiche sono state notevolmente ottimizzate in modo di semplificare le fasi di modellazione e ridurre il tempo finora impiegato per l’attività di pre-processing. Il nuovo ambiente Geometry (disponibile al menu Panes) è stato introdotto con lo scopo di fornire all’Utente una modalità semplice e versatile con cui importare e manipolare oggetti geometrici. Questo strumento è facilmente interfacciabile con applicativi per la triangolarizzazione di superfici ottenute dal rilievo in situ e descritte tramite nuvole di punti. Grazie alla possibilità di importare file in formato .stl (tipicamente utilizzato per la descrizione della discretizzazione di elementi 2D e 3D), è possibile creare profili superficiali e stratigrafie interne irregolari ed estremamente realistiche, corrispondenti al rilievo in situ.
Di seguito troverai una dimostrazione pratica della nuova funzionalità Geometry.

Guarda il video

Novità nel modulo VSP di Paratie Plus 2020: la verifica delle geogriglie

Con la versione 2020 di Paratie Plus e sulla base delle richieste pervenute dagli utenti, diverse funzionalità del software sono state oggetto di potenziamento.
Anche il modulo di stabilità pendio VSP è stato sottoposto ad un importante upgrade, introducendo la possibilità di verificare i supporti di tipo geogriglie.
La feature “geogriglia” è comparsa per la prima volta in Paratie Plus con la versione 2019, all’interno del modulo VSP, come elemento di supporto alla stabilità dei volumi di scivolamento. Essa ha contribuito all’innalzamento del coefficiente di sicurezza ma era poi a carico dell’utente la verifica del supporto stesso. La versione 2020 libera il professionista da quest’onere, fornendo una semplice ed efficace tabella riepilogativa delle azioni agenti sull’elemento e delle azioni resistenti, con una colonna finale di riepilogo (Remark) che informa del soddisfacimento o meno della verifica.


Se vuoi approfondire l’algoritmo di verifica puoi visionare il manuale “Guida Utente.pdf” disponibile alla voce del menu Help > Manuali PDF al par. 9.5.4.
L’assistenza tecnica di Harpaceas rimane a disposizione per approfondimenti sugli aspetti di verifica.
Buon lavoro con Paratie Plus 2020!