Solibri Model Checker per WESTFIELD EUROPE LTD – articolo in inglese

An introduction to
WESTFIELD EUROPE

Being a retail developer, Westfield have always embraced new technologies in adapting to the changing face of retail. In the UK and Europe, Westfield design and construct their own assets. With this level of control as well as their knowledge and experience in retail, Westfield are able to create centres to their exact needs, aligning smart design and technological innovation creating truly unique assets tailored to enhancing the experience of the customer.
Westfield first adopted BIM tools and processes in 2009 and has since committed to implementing BIM on all projects from RIBA stage 2. Their approach to BIM goes beyond 3D modelling and visualization with obligations placed upon all project stakeholders for BIM to be fully embedded within the design as a managed, collaborative process. Where available, models are used in all coordination and decision making exercises in design, planning and construction. The outputs from BIM are used by all stakeholders both externally and internally across all of Westfield’s functional departments including development, leasing, marketing and centre management.
“Westfield’s investment in BIM and technology goes far beyond
keeping abreast with our competitors. We’ve seen real value and returns in its application which plays a vital role in facing the challenges involved in the design and construction of complex projects. The resulting information models allow us to harness the power of data giving greater control over our built assets as well as enabling collaboration within our diverse range of business units”  Keith Whitmore, Head of Design and Construction UK &Europe

Lewis, Lucas & the team

Lewis and Lucas are part of a three-strong BIM team at Westfield; they have led the way with a deployment of Solibri software across their team and others within the company. At this stage (May 2018) Westfield has approximately 20-25 competent users of Solibri Model Checker and Solibri Model Viewer, and over 60 people in total who have had some form of training in the past three years.

Since attending our Solibri Advanced Workshop training course (for rule-writing) in 2015 the BIM team at Westfield have configured a wide range of Rulesets, Classifications and Information Takeoff Definitions to allow for Solibri to be used as a core software at all stages in their project workflows.

“Out of all of our Clients across the UK, Middle East and Australia, your model is the most data rich and comprehensively tagged that we have ever seen.” Specialist Consultant


Tell us about how you use Solibri on your projects…
As a client, Main Contractor, BIM Manager/Co-Ordinator and Design Manager, Westfield have many uses for Solibri Model Checker across their projects:


Model Viewing

Members of each team involved on BIM projects at Westfield have Solibri Model Viewer installed on their machine to enable them to view and interrogate data in the latest federated IFC model internally without needing access to an authoring tool to open the file. Westfield’s BIM team use the Model Viewing area within Solibri Model Checker at every stage of their projects before running any rulesets for two main reasons; Visual co-ordination and inspection of a federated model, and with custom Classifications.


Visual Co-ordination & Inspection
Users view a federated model before running any rules for clash checking and validating data in order to instantly identify issues for quick changes that can be made, or even issues that may not be raised by the rules that are set to run.


Custom Classifications
Classifications play a major part in the way project teams at Westfield interpret information and data within the BIM model;

For those that aren’t fully versed with the Solibri interface, Classifications allow users to define the way that components, information and spaces/areas are displayed. A great example of this at Westfield is a Classification created by the BIM team that makes Solibri display certain elements with names or codes (I.e. steel columns become structural framing) that other users, often with previous experience in other tools, can recognise more easily without having to learn too many new naming styles for new projects.

Westfield make regular use of Solibri’s viewing capabilities and ensure that all staff have internal training to give them the skills required to get the best value possible from the software.


Model Checking & Clash Detection
Westfield have three main ways in which they utilize the rules-based checking inside Solibri Model Checker; Space and dimension checks, model revisions comparison, and data validation.
“We can quantify elements in a 185,000 m2 shopping centre in 2 hours to the same accuracy it would take a Quantity Surveyor who would take 2 weeks doing it manually.”
Lucas Cusack, Head of BIM Team



Space & Dimension Checks
Running space and dimension checks in Solibri Model Checker is a quick and easy way for the team to ensure that they are adhering to project standards and regulations while coordinating various disciplines’ models. For Westfield, who are continuously developing multi-purpose facilities, this is an important aspect of model checking they undertake on projects.



Model Revisions Comparison
At each design gateway the team at Westfield issue a revision comparison report to Design Managers, as well as internally checking and verifying these results and displaying during the design review meetings.



Data Validation
A key topic when discussing model checking and configuration of rulesets for checking data is “consistency” – and this is something Westfield are grasping and nailing when it comes to the checks they run internally; during our interview with Lewis and Lucas it became apparent that there was a clear message being passed through Westfield projects, a message that ensures consistency and discipline at every stage to allow for a data-rich and accurate federated model. The team has developed rulesets for checking naming and tagging within their models, with live feeds and referencing to a database of codes/tags in the pipeline, which will allow them to further this check and verify that this data is correct.


Information Takeoff & Quantification
Westfield regularly put the Information Takeoff functionality inside Solibri Model Checker to good use; with custom classifications already playing a big role in their daily activity, the team has created some really useful templates for exporting quantities from the IFC file straight in to an O&M system for use at FM stage, as well as to make the estimators’ lives easier by issuing accurate bills from early on in a project.
“Using Solibri for automated checking and quantity take-off has given us the ability to make decisions earlier in design and prevent issues happening on site that would cause delays from rework or redesign.” Lewis Guy, Westfield Europe Ltd


What part do you see Solibri playing in your forward vision at westfield?
At this stage in our interview with Lewis and Lucas, it was clear that they see Solibri playing a major role in every aspect of the projects they work on in the future. They highlighted that the plan internally is for even wider adoption of Solibri software across other teams at Westfield and for the interface to become “standard practice” for everyone who has access to it.

Webinar tecnico: Interoperabilità geotecnico-strutturale con i software Flac3D e Midas GEN

Durante il webinar verranno illustrate le possibilità di interoperabilità offerte dal software Flac3D; in particolare verrà introdotto un plugin per importare la struttura di analisi impostata in Midas GEN, chiarendo vantaggi operativi e potenzialità.
Iscriviti al webinar gratuito
24 maggio 2018
Dalle ore 11 alle ore 12

Vantaggi:

  • Interazione terreno-struttura
  • I plottaggi più utili
  • Interoperabilità modello strutturale-geotecnico
  • Gestione facile e intuitiva del post processing

Temi trattati:

  • Importazione della struttura da Midas GEN
  • Personalizzazione dell’interfaccia terreno-struttura per le fondazioni
  • La gestione del modello importato

Five Keys to Unlocking Digital Transformation in Engineering & Construction

[et_pb_section bb_built=”1″][et_pb_row][et_pb_column type=”2_3″][et_pb_text _builder_version=”3.0.86″ background_layout=”light”]

Aconex report Global Industry Council

Five Keys to Unlocking Digital Transformation in

Engineering & Construction

Il report presenta 5 casi di successo di realtà che hanno affrontato con successo il processo verso la digitliazzazione.

Scopri le loro strategie!

Noi di Harpaceas e In2it, distributori italiani di Aconex, possiamo essere al tuo fianco per digitalizzare il tuo modello di business.

[/et_pb_text][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_3″][et_pb_cf7 _builder_version=”3.0.86″ cf7=”id_19817″ launch_download=”on” box_form=”on” header=”Compila il form per scaricare il report. Grazie!” media_download=”https://harpaceas.it/wp-content/uploads/2018/04/Aconex-report-Global-Industry-Council_EN-1.pdf” track_string=”Five Keys to Unlocking Digital Transformation in Engineering & Construction” /][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Cimolai: il ponte Cittadella di Alessandria – Tekla Structures all’opera

Le strutture da ponte costituiscono storicamente per CIMOLAI una parte importante del proprio prodotto. Il Ponte Cittadella (185 m) sul fiume Tanaro, progettato da Richard Meier & Partners con la collaborazione dello studio Dante O. Benini & Partners Architects, che collega Alessandria con la Cittadella del XVIII secolo, è realizzato in cls prefabbricato bianco e acciaio verniciato e ha un’unica campata che passa al di sopra della pianura alluvionale.

“Siamo partiti molti anni fa con manufatti relativamente semplici in cui solo il contenuto funzionale era importante. Ora i ponti sono diventati delle vere e proprie opere architettoniche con contenuti iconici rilevanti. Abbiamo visto crescere nel tempo la complessità geometrica di queste strutture con una conseguente crescita della domanda di sviluppo ingegneristico, per garantire gli opportuni livelli di sicurezza. Nei ponti siamo in presenza di carichi importanti dove resistenza, stabilità, fatica, deformabilità e durabilità sono aspetti ingegneristici da trattare con molta attenzione.” Ci racconta Ennio Picco, Direttore Tecnico di Cimolai.”
[button link=”https://harpaceas.it/project/cimolaialessandria/”] Guarda il progetto[/button]

POLIMI, al via la terza edizione del Master per la formazione di BIM Manager della Scuola Master Fratelli Pesenti

Oltre 50 iscritti a tre mesi dalla partenza (marzo 2017) e ultimi posti “frontali” disponibili per la terza edizione del Master di I e II livello per la formazione di BIM Manager organizzato dalla Scuola Master Fratelli Pesenti del Politecnico di Milano, sempre in collaborazione con in2it, Harpaceas ed Autodesk. La frequentazione online non ha invece numero chiuso.

immagine BIMA tutti gli studenti “frontali” delle prime due edizioni é stato offerta uno stage presso alcune tra le più prestigiose realtà italiane della filiera delle costruzioni, come General Contractor, Imprese di Costruzione, Società di Ingegneria, Studi di Architettura e Ingegneria Strutturale e Impiantistica e la domanda di stagisti è stata sempre superiore agli studenti che han concluso il Master con la tesi.

Il percorso formativo del Master fa suo quanto definito dal Nuovo Codice Appalti, approvato dal Governo lo scorso marzo. L’art. 23 al comma 13 riporta, Le stazioni appaltanti possono richiedere per le nuove opere nonché per interventi di recupero, riqualificazione o varianti, …Tali strumenti utilizzano piattaforme interoperabili a mezzo di formati aperti non proprietari, al fine di non limitare la concorrenza tra i fornitori di tecnologie e di non limitare il coinvolgimento di specifiche progettualità tra i progettisti….L’utilizzo di tali metodologie costituisce parametro di valutazione dei requisiti premianti di cui all’articolo 38.Tramite un escursus sulla normativa, il trattamento dei dati, le responsabilità, il programma include con una formazione di base sull’impiego di alcuni dei più diffusi software BIM oriented. Alcune basi teoriche e le applicazioni pratiche consentiranno agli studenti di gestire files e progetti redatti in ambito di progettazione integrata. Verranno presentati alcuni software di largo impiego e le loro funzionalità, nonché gli ambiti di applicazione. La formazione di base, consentirà di avere una chiara idea di quelle che possono essere le prospettive di miglioramento nella gestione degli appalti, la validazione del progetto e il controllo delle interferenze, nonché l’avanzamento lavori. Gli sbocchi occupazionali sono previsti presso imprese di costruzione, produttori di tecnologie per l’edilizia, studi di progettazione di ingegneria e architettura, pubblica amministrazione.

Tutte le informazioni e il Bando sono consultabili su:

Master di II Livello http://www.masterpesenti.polimi.it/master-universitari/bim-manager.php

Master di I Livello http://www.masterpesenti.polimi.it/master-universitari/bim-manager-1-livello.php

 

 

Per iscrizioni rivolgersi a:

Segreteria Scuola Master Fratelli Pesenti: Tel: +39 02 2399.4381

Info e iscrizioni: Dott. ing. Marco Zucca – Tel: +39 02 2399.4341 | marco.zucca@polimi.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutte le informazioni e il Bando sono consultabili su:

Master di II Livello http://www.masterpesenti.polimi.it/master-universitari/bim-manager.php

Master di I Livello http://www.masterpesenti.polimi.it/master-universitari/bim-manager-1-livello.php

 

Per iscrizioni rivolgersi a:

Segreteria Scuola Master Fratelli Pesenti: Tel: +39 02 2399.4381

Info e iscrizioni: Dott. ing. Marco Zucca – Tel: +39 02 2399.4341 | marco.zucca@polimi.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutte le informazioni e il Bando sono consultabili su:

Master di II Livello http://www.masterpesenti.polimi.it/master-universitari/bim-manager.php

Master di I Livello http://www.masterpesenti.polimi.it/master-universitari/bim-manager-1-livello.php

 

Per iscrizioni rivolgersi a:

Segreteria Scuola Master Fratelli Pesenti: Tel: +39 02 2399.4381

Info e iscrizioni: Dott. ing. Marco Zucca – Tel: +39 02 2399.4341 | marco.zucca@polimi.it

Solibri Model Checker e prevenzione, controllo e realtà virtuale

Solibri Model Checker è il software, unico al mondo, per il model ed il code checking, ovvero per l’analisi di qualità dei modelli BIM e per la verifica di rispondenza ad una o diversi apparati normativi.

Model e code checking sono termini che stanno prendendo sempre più confidenza anche nel nostro paese dove il BIM è ormai stato sdoganato.

Solibri, la casa madre finlandese del software, è da sempre all’avanguardia nello sviluppo di nuove tecnologie per i professionisti del mondo delle costruzioni, l’ultima di queste resa disponibile è l’estensione di Solibri Model Checker per la realtà virtuale.

L’estensione, disponibile in versione beta sul Solibri Solution Center è scaricabile gratuitamente e compatibile con Igloo Cylinders (www.igloovision.com) and Satavision caves (www.satavision.com).

 

Prova la versione trial di Solibri Model Checker, scopri come effettuare un controllo intelligente sui tuoi modello BIM.

Solibri_Nemetschek_larger_email_signature_logo_050216

BIM: lavori in corso a UNI e CEN

IngOdorizziIl nuovo Codice Appalti introduce il BIM anche nel nostro paese, l’articolo 23 – comma 13 riporta:” Le stazioni appaltanti possono richiedere per le nuove opere nonché per interventi di recupero, riqualificazione o varianti, prioritariamente per i lavori complessi, l’uso dei metodi e strumenti elettronici specifici di cui al comma 1, lettera h). Tali strumenti utilizzano piattaforme interoperabili a mezzo di formati aperti non proprietari…”.

Perché il BIM sia adottato concretamente e sia realmente garantita l’interoperabilità che questo strumento promette, sono necessarie indicazioni operative omogenee sia a livello nazionale che internazionale. Gli esperti stanno lavorando in tal senso da oltre un anno. All’UNI è attivo un apposito gruppo di lavoro, in seno alla Commissione “Prodotti, processi e sistemi per l’organismo edilizio”, che si propone di completare il quadro normativo entro il 2016. Analogo lavoro è stato attivato a livello europeo (CEN TC 442) per garantire criteri omogenei nei Paesi Membri.
Ne parla l’Ing. Paolo Odorizzi, Direttore Tecnico di Harpaceas e uno dei maggiori esperti di BIM in Italia, delegato nazionale al CEN per la normativa sulla digitalizzazione del progetto e attivo all’interno dell’UNI sullo stesso tema. Guarda il video

Analisi di opere marittime con Paratie Plus 2016

30_years_ParatiePlusCon la nuova versione del software Paratie Plus, leader in Italia per l’analisi e la verifica di strutture di sostegno flessibili, diviene più semplice l’analisi di opere marittime e fluviali. Prima di tutto, l’archivio delle palancole è stato arricchito con sezioni tipiche dell’ingegneria marittima; inoltre, gli algoritmi del modulo Seepage (il motore ad elementi finiti 2D per lo studio delle variabili idrauliche) sono stati ottimizzati al fine di cogliere meglio le caratteristiche di questa tipologia di problemi. Ad esempio, è stata riprogrammata la logica alla base delle condizioni al contorno per simulare una superficie libera dalla quale la freatica può emergere. In questo modo la superficie freatica viene calcolata in modo più realistico poiché essa emerge se e solo se è in grado di cedere del flusso all’esterno, preservando la conservazione delle portate. Scopri nel dettaglio le potenzialità di Paratie Plus 2016

Il BIM applicato alla Geotecnica

IMG_20151023_163337Negli ultimi anni si sente sempre più spesso parlare di BIM-Building Information Modeling, in genere associato alla “modellazione 3D applicata all’architettura” e non sembrano esistere connessioni con le altre discipline, men che meno con la Geotecnica. L’argomento è stato affrontato durante la Giornata del Cliente Geotecnica dall’Ing. Carlo Pucci, responsabile commerciale settore Geotecnico di Harpaceas, dimostrando che le applicazioni del BIM alla Geotecnica esistono. Il BIM è un metodo, può essere applicato a diverse discipline, applicarlo alla Geotecnica non solo è fattibile ma, data la sua natura, può portare a diversi vantaggi. Dalla modellazione 3D della struttura al computo dei materiali necessari, dalla realizzazione in automatico dei disegni costruttivi alla visualizzazione delle interferenze tra armature, fino ad arrivare alla pianificazione del cantiere e addirittura alla gestione del Piano Operativo di Sicurezza, il BIM può portare ad un risparmio concreto in termini di tempo e budget. Tutto questo a prescindere dal software che si utilizza, ma basandosi solo su ragionamenti ingegneristici.

Per maggiori informazioni clicca qui