Il BIM infrastrutturale e l’interoperabilità IFC

Una notizia importante per il mondo dell’interoperabilità in ambito infrastrutturale ci giunge da BuildingSMART International

 

Gennaio 2015: buildingSMART International (BSI) ha pubblicato un invito a presentare commenti sul bSI IFC Infrastructure Alignment Conceptual Model che può essere visionato cliccando qui.

Stiamo parlando del progetto P6 “IFC Alignment” che funge da battistrada per progetti quali “IFC-Bridge” and “IFC-Road” e che riguarda le informazioni per gli allineamenti 2D e 3D per le risorse infrastrutturali.

Grazie all’IFC Alignment Extension Model, buildingSMART si sta indirizzando ad includere nel Data Model standard IFC (ISO16739) anche il mondo della progettazione infrastrutturale.

Il team del progetto buildingSMART P6 con l’ottica di rinnovare il formato LandXML con il supporto del team buildingSMART finlandese InfraBIM, ha lavorato insieme con il Team di OGC Territorio e Infrastrutture sulla definizione degli esempi e del modello concettuale UML, e ha creato l’estensione dello standard dati IFC4 per includere le informazioni di allineamento.

La nuova estensione IFC Alignment sarebbe:

  • sostenuta da organizzazione di sviluppo di Standard, buildingSMART Internazional
  • basata su un modello UML concettuale e una codifica come la EXPRESS (ISO 10303-11) e XML Schema
  • in linea con lo standard IFC esistente, riutilizzando le caratteristiche esistenti per il posizionamento, la geometria, insiemi di proprietà e la mappatura al sistema di coordinate geografiche
  • in grado di rispondere alle esigenze di scambio di informazioni di allineamento dalla pianificazione, alla progettazione, alla fase di costruzione di progetti e, infine, di asset management
  • link con informazioni di allineamento per altre informazioni di progetto, come sezioni e piena geometria 3D degli elementi di costruzione da realizzare da prossime release IFC

I progetti di ampliamento “IFC-Bridge” e “IFC-Road” dovrebbero:

  • consentire l’esecuzione di query sulle informazioni di allineamento fornendo dati quali il posizionamento, l’identificazione lineare e le stazioni lungo un allineamento
  • consentire l’accesso ai dati in sintonia con i database di asset management
  • fornire una archiviazione duratura dei modelli informativi delle infrastrutture, comprese le informazioni di allineamento
  • essere sincronizzati con gli attuali sforzi di OGC nel loro sviluppo di InfraGML
  • consentire la mappatura delle informazioni di allineamento tra IFC, InfraGML (sviluppato da OGC), e LandXML (ultima versione InfraBIM da buildingSMART Finland)

Lo standard Candidate Extension alingment IFC è già stato convalidato da alcune beta di software. Definizioni di schema implementabile in EXPRESS e XSD sono disponibili con primi set di dati campione di strade e ponti e allineamenti con modelli di terreno.

“Questa collaborazione tra buildingSMART International e l’OGC renderà possibile per il software mappare i modelli di allineamento IFC direttamente con InfraGML e viceversa”, ha spiegato Richard Petrie, amministratore delegato di buildingSMART internazionale.

“Questo rappresenta una tappa importante per raggiungere il nostro obiettivo condiviso di standard neutrali che consentono l’integrazione delle informazioni geospaziali e di informazioni dell’ambiente costruito.

In data 5 febbraio 2015 l’IFC Alignment Extension è passato allo status di Candidate Standard.

Il feedback per questa Public Review è previsto fino al 6 marzo per dare al team di sviluppo tempo sufficiente per presentare i risultati finali al prossimo vertice buildingSMART marzo 23-25 a Watford (Londra).