Paratie Plus 2020: le nuove correlazioni con il dilatometro di Marchetti

A grande richiesta, sono da ora disponibili in Paratie Plus le correlazioni dei parametri di resistenza e deformabilità dei terreni a partire dai risultati delle prove in situ condotte col dilatometro piatto di Marchetti.
Innanzitutto, l’utente deve specificare i valori delle due letture di pressione DMT corrette p0, p1 ed eventualmente, dove disponibili, della terza lettura di pressione corretta p2.
In alternativa è possibile specificare i valori delle letture di pressione non corrette A, B, (C) e delle correzioni DA, DB determinate mediante calibrazione della membrana, da cui il programma calcola i valori corretti p0, p1 (p2).


Conoscendo i suddetti dati, Paratie Plus è in grado di calcolare l’indice di materiale ID che fornisce indicazioni di tipo “comportamentale” sul tipo di terreno, che viene a grandi linee identificato come argilla (ID < 0.6), limo (0.6 < ID < 1.8) o sabbia (ID > 1.8).
L’indice di spinta orizzontale KD è invece legato alla storia tensionale e al grado di sovraconsolidazione OCR del deposito.


Il modulo dilatometrico ED riflette la rigidezza del terreno. In generale ED (da non confondere con il modulo di Young E) viene utilizzato in combinazione con KD e ID per ricavare i moduli di deformazione “operativi”, in particolare il modulo di deformazione confinato M.
A partire da p2, dove disponibile, è calcolato un quarto parametro: l’indice di pressione neutra UD è un ulteriore indicatore del tipo di terreno in relazione alla permeabilità. In sabbie, p2 è prossima alla pressione neutra in sito u0, che può quindi essere stimata assumendo u0 = p2. Pertanto, in sabbie UD ~ 0, mentre in argille UD > 0 (ad es. 0.5-0.7). I limi si collocano in una fascia di valori intermedi.

Dai parametri intermedi ID, KD, ED sono ricavati i parametri interpretati: peso di volume naturale g, resistenza al taglio non drenata Su (in argille e limi con ID < 1.2), angolo di resistenza al taglio j’ (in sabbie con ID > 1.8), modulo di deformazione confinato M, grado di sovraconsolidazione OCR e coefficiente di spinta a riposo K0 (in argille e limi con ID < 1.2).
Sono inoltre disponibili correlazioni per stimare OCR e K0 in sabbie (ID > 1.8) basate sull’uso combinato di risultati di prove DMT e CPT/CPTU vicine.
In caso di prove eseguite con dilatometro sismico (SDMT), i valori di VS misurati possono essere inseriti nella tabella relativa alle indagini sismiche. A partire da VS si determina il modulo di taglio a piccole deformazioni G0 (vedere par. 3.3.1 del manuale Stima Parametri).
In generale, si può vedere il par. 3.3 per l’interazione delle prove DMT con altre presenti in Paratie Plus.

Buon lavoro con le nuove funzionalità di Paratie Plus 2020!