Studio della risposta di pali singoli e di gruppo con incastro in sommità sottoposti a carichi orizzontali

L’interazione suolo-struttura costituisce una parte importante dell’ingegneria civile, strutturale e geotecnica. Mentre il comportamento del sistema fondazione+sovrastruttura è piuttosto ben consolidato nei confronti dei carichi verticali, la stima della capacità laterale è ancora spesso un’incognita.

Lo stato dell’arte vede metodologie ben sviluppate basate su curve p-y in grado di prevedere con una buona precisione la risposta di pali singoli (ad esempio Naggar e Bentley, 2000). Inoltre, l’approccio delle curve p-y è già implementato in varie linee guida di progettazione (ad esempio, ASCE Guidelines, 1984). Gli effetti di gruppo sono tradizionalmente rappresentati da moltiplicatori di p (ad esempio Brown et al., 1988).

Nella tesi dell’Ing. Kasra Majdanishabestari, svolta presso il Politecnico di Milano (Rel. Prof. Roberto Paolucci) con stage presso la Ce.A.S. di Milano (co-relatore Ing. Bruno Becci), viene prima di tutto presentata una campagna numerica su pali in gruppo caricati lateralmente con testa incastrata e modello ibrido. Per mezzo del codice commerciale FLAC3D (modello al continuo) la risposta dei pali singoli viene accuratamente studiata e verificata considerando una varietà di diversi parametri geometrici e costitutivi. Come risultato, una raccolta di fattori di efficienza del gruppo viene assemblata sulla base dei risultati delle analisi numeriche. Quindi, viene proposto un metodo di progettazione semplice da applicare nella stima del fattore di efficienza del gruppo di fondazione, che si basa sull’estensione del metodo classico di Broms. I confronti dei fattori di efficienza del gruppo di base, calcolati attraverso mezzi teorici e numerici, mostrano un accordo ragionevolmente vicino. Infine, un corretto esempio riguardante l’applicazione del metodo semplificato proposto è implementato in un foglio di calcolo.

Per saperne di più scarica il Capitolo 6 della tesi (in inglese)