UNI-EN-ISO 19650: definizione dei requisiti informativi e modelli informativi

Abbiamo già parlato delle esigenze e delle considerazioni che hanno portato alla nascita della UNI-EN-ISO 19650.
In questo articolo, l’Arch. Saverio Pellegrino, BIM Consultant di Harpaceas, approfondisce il tema dei requisiti informativi, oggetto del capitolo 5 della UNI-EN-ISO 19650.

L’essenza dei requisiti informativi

Requiṡito dal latino requisitum, participio passato di requirĕre «chiedere, esigere», esprime una qualità richiesta, dote o condizione necessaria per conseguire uno scopo. Partendo dall’etimologia di questa parola possiamo scoprire l’essenza di un requisito informativo, declinandolo nell’ottica del BIM e della digitalizzazione dei processi edilizi. Il requisito informativo assume un significato ancor più grande quando, sommato ad altri, attraverso lo scambio informativo, delineano sia lo scopo del progetto sia le qualità del modello informativo generato. I soggetti principali dello scambio informativo sono il committente e l’affidatario definiti dalla norma “parti interessate”. 

I diversi tipi di requisiti informativi e modelli informativi

La UNI-EN-ISO 19650 parte 1, illustra, nel capitolo 5, le diverse tipologie di requisiti informativi e specifica che il committente dovrebbe avere la funzione di comprendere quali informazioni richiedere in merito al proprio bene o commessa, al fine di sostenere i propri obiettivi organizzativi o di commessa. Tali requisiti potrebbero nascere all’interno della propria organizzazione. Il committente dovrebbe comunicarli alle parti interessate e alla parte affidataria. In questo modo la parte affidataria può produrre e consegnare i prodotti informativi definiti dal committente nella fase di affidamento e completare il lavoro con la giusta conoscenza e qualità informativa.

Gerarchia dei requisiti informativi – Cap. 5 capitolo 5 ISO 19650

Organizational Information Requirements (OIR): sono requisiti relativi alle informazioni necessarie per rispondere o per illustrare gli obiettivi strategici interni alla struttura aziendale della committenza.  

Project Information Requirements (PIR): questi requisiti illustrano le informazioni necessarie per rispondere agli obiettivi strategici dell’OIR in relazione a una particolare commessa.  

Asset Information Requirements (AIR): tali requisiti definiscono gli aspetti gestionali, commerciali e tecnici della produzione informativa del bene. 

Exchange Information Requirements (EIR): sono requisiti inerenti allo scambio di informazioni e definiscono i criteri di gestione informativa, i metodi e le procedure di produzione che l’affidatario deve attuare. 

Asset Information Model (AIM): è il modello informativo del bene ed ha la funzione di supportare i processi di gestione strategica e quotidiana del bene stabiliti dal soggetto proponente.  

Project Information Model (PIM) : il seguente modello informativo della commessa supporta la consegna della stessa e contribuisce all’AIM integrandolo per le successive attività di gestione del bene. 

Desideri avere maggiori informazioni sulla gestione degli scambi informativi del tuo progetto BIM? Scrivici utilizzando il form di contatto che trovi in questa pagina.